Agevolazioni

Agevolazioni 2019-05-10T10:02:01+00:00

Project Description

Gli obiettivi del progetto Biella, Produces sono principalmente due.

Da un lato, rafforzare l’economia esistente legata al tessile e al meccanotessile.

Dall’altro favorire una diversificazione dell’apparato produttivo locale sia attraendo risorse esterne (siano esse di imprenditorialità, di capitale o di lavoro), sia stimolando l’imprenditoria locale verso nuove direttrici economiche.

STRUMENTI DI FINANZIAMENTO
QUADRO DELLE AGEVOLAZIONI – GRANDI IMPRESE
QUADRO DELLE AGEVOLAZIONI – MEDIE, PICCOLE E MICRO IMPRESE
PROGETTI SPECIALI
AREE CON MAGGIORI AGEVOLAZIONI

 

QUADRO DELLE AGEVOLAZIONI – GRANDI IMPRESE

CONTRATTO DI INSEDIAMENTO GRANDI IMPRESE – 0 (2019)

La Misura, gestita da Finpiemonte, favorisce l’atterraggio e lo sviluppo di investimenti da parte di imprese, con nuovi insediamenti o espansioni di stabilimenti produttivi, centri di ricerca e centri servizi che generino nuova occupazione qualificata diretta o indiretta.

I beneficiari sono le grandi imprese che intendono investire in Piemonte generando significativa ricaduta occupazionale. Sono “grandi” le imprese le imprese che non soddisfano i criteri che definiscono le PMI ai sensi dell’Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014. Le Grandi imprese possono sviluppare progetti di ricerca e attività di sviluppo sperimentale, anche in collaborazione effettiva con organismi di ricerca e/o una o più PMI, ottenendo una maggiorazione dell’intensità di aiuto.

Sono altresì ammissibili all’agevolazione le PMI e gli Organismi di Ricerca che svolgono attività di ricerca collaborativa con l’impresa proponente.

Iniziative ammissibili: progetti di R&S preordinati o connessi all’insediamento o all’ampliamento di un centro ricerche, di uno stabilimento o di un centro servizi, che generano una ricaduta occupazionale, diretta o indiretta, complessiva di almeno 15 addetti, in termini di nuove assunzioni o di reintegro di lavoratori che usufruiscono degli ammortizzatori sociali.

Finpiemonte riceve la domanda, valuta i progetti ed eroga le agevolazioni.

Scopri di più

 

CONTRATTO DI INSEDIAMENTO GRANDI IMPRESE – 288 (2016)

La Misura, gestita da Finpiemonte, favorisce i nuovi insediamenti o espansioni di stabilimenti produttivi, centri di ricerca e centri servizi da parte di imprese a controllo estero, che generino nuova occupazione qualificata. I beneficiari sono grandi imprese a controllo estero che intendono investire in Piemonte generando una significativa ricaduta occupazionale, anche in collaborazione con organismi di ricerca e/o PMI. Le grandi imprese possono essere finanziate per gli investimenti iniziali, a termini di normativa comunitaria, solo nelle aree c.d. 107.3.c. Le iniziative ammissibili sono l’insediamento o l’ampliamento di un centro di ricerca o un centro servizi alla produzione o uno stabilimento produttivo, che comporti una ricaduta occupazionale, prevalentemente qualificata, di almeno 15 addetti. L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto calcolato sul totale delle spese ritenute ammissibili.

Finpiemonte riceve la domanda, valuta i progetti ed eroga le agevolazioni.

Scopri di più

 

CONTRATTO DI SVILUPPO

Con il Contratto di Sviluppo Invitalia sostiene gli investimenti di grandi dimensioni nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale. L’investimento complessivo minimo richiesto è di 20 milioni di euro. Solo per attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli si riduce a 7,5 milioni di Euro.

Possono usufruire dell’agevolazione grandi imprese e multinazionali anche già presenti in Piemonte per la realizzazione di nuovi impianti di produzione di beni e servizi alle imprese o centri di ricerca; la premialità è maggiore nei comuni individuati in aree 107/3c.

Il Contratto di Sviluppo prevede le seguenti agevolazioni finanziarie:

  • contributo a fondo perduto in conto impianti
  • contributo a fondo perduto alla spesa
  • finanziamento agevolato
  • contributo in conto interessi.

Scopri di più

 

L. 181/89 – AIUTI PER AREE DI CRISI INDUSTRIALE NON COMPLESSA

La legge 181/89 è l’incentivo per il rilancio delle aree colpite da crisi industriale e di settore.

L’incentivo è rivolto alle micro, piccole, medie e grandi imprese costituite in società di capitali, comprese le società cooperative e le società consortili.

Finanzia programmi di investimento produttivo o programmi per la tutela ambientale, completati eventualmente da progetti per innovare l’organizzazione. Gli investimenti devono prevedere spese per almeno 1,5 milioni di euro

Le agevolazioni finanziarie possono coprire fino al 75% dell’investimento ammissibile con:

  • contributo a fondo perduto in conto impianti
  • contributo a fondo perduto alla spesa
  • finanziamento agevolato

Scopri di più

QUADRO DELLE AGEVOLAZIONI – MEDIE, PICCOLE E MICRO IMPRESE

La Regione Piemonte, al fine di contrastare la delocalizzazione, sostiene la promozione e lo sviluppo dell’imprenditorialità attraverso l’offerta di agevolazioni e opportunità per gli aspiranti imprenditori e per le imprese già esistenti.

SOSTEGNO ALLA CREAZIONE D’IMPRESA – L. 34/2008

La Regione Piemonte si è dotata di misure e leggi che favoriscono, mediante la concessione di contributi, di finanziamenti agevolati e di garanzie all’accesso al credito, servizi di accompagnamento e assistenza tecnica, la nascita e lo sviluppo di iniziative di auto impiego nella forma di creazione d’impresa.

I beneficiari sono imprese individuali, società di persone, società di capitali e società a responsabilità limitata semplificata (con sede legale, amministrativa ed  una sede operativa in Piemonte).

L’agevolazione consiste in un finanziamento a tasso agevolato pari al 100% della spesa ammissibile, di cui 50% della spesa con fondi regionali e 50% con fondi bancari. Tetto minimo di finanziamento Euro 10.000,00 tetto massimo di finanziamento Euro 120.000,00.

Vai al sito della Regione Piemonte

Leggi il bando

 

MICROCREDITO – MISURA I.6

L’iniziativa prevede l’utilizzo del Fondo di Garanzia per il Microcredito finalizzato a favorire l’accesso al credito a soggetti che non dispongono di capacità di garanzia propria e non sono comunque in grado di far ricorso autonomamente al credito bancario ordinario che intendono realizzare un’idea imprenditoriale di importo non inferiore a 3.000,00- Euro e non superiore a 25.000,00- Euro Iva esclusa. I beneficiari sono pertanto PMI “non bancabili” costituite o iscritte al Registro Imprese nei 36 mesi antecedenti la presentazione della domanda.

Leggi il bando

 

POR FESR 14/20 AZIONE III.3C.1.2 – ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI

LINEA  A: la misura prevede un finanziamento agevolato per l’attrazione e il radicamento di investimenti in Piemonte, che generino nuova occupazione.

I beneficiari sono micro, piccole e medie imprese:

non presenti in Piemonte, o iscritte in Camera di Commercio del Piemonte da meno di sei mesi;
presenti in Piemonte con produzione delocalizzata, che intendono re insediarsi in Piemonte;
presenti in Piemonte ma che intendono investire per ottenere prodotti mai fabbricati prima o per cambiare radicalmente il processo produttivo di uno stabilimento esistente;
Vengono agevolati investimenti in attività materiali e progetti di ricerca e sviluppo.

Gli investimenti devono generare entro 24 mesi dalla data di concessione nuova occupazione.

L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato per il 100% del totale progetto, costituito da una quota regionale del 70% a tasso 0 e una quota bancaria del 30% a tasso convenzionato.

Le domande sulla Linea A si presentano telematicamente dalle ore 9.00 del 18 giugno 2018 mediante accesso all’apposita piattaforma del Sistema Piemonte.

Scopri di più

LINEA  B: Contributo a fondo perduto per il 100% dei costi ammissibili, con il limite massimo di 20.000 euro per ogni nuovo occupato.

Beneficiari: PMI che hanno ottenuto un finanziamento agevolato sulla linea A
Le domande sulla linea B si presentano telematicamente a partire dal 7 gennaio 2019 mediante accesso all’apposita piattaforma del Sistema Piemonte.

 

L. 181/89 – AIUTI PER AREE DI CRISI INDUSTRIALE NON COMPLESSA

La legge 181/89 è l’incentivo per il rilancio delle aree colpite da crisi industriale e di settore.

L’incentivo è rivolto alle micro, piccole, medie, grandi imprese costituite in società di capitali, comprese le società cooperative e le società consortili.

Finanzia programmi di investimento produttivo o programmi per la tutela ambientale, completati eventualmente da progetti per innovare l’organizzazione. Gli investimenti devono prevedere spese per almeno 1,5 milioni di euro

Le agevolazioni finanziarie possono coprire fino al 75% dell’investimento ammissibile con:

  • contributo a fondo perduto in conto impianti
  • contributo a fondo perduto alla spesa
  • finanziamento agevolato

Scopri di più

PROGETTI SPECIALI

PO.IN.TEX.

Il Polo di Innovazione Tessile è un’associazione di imprese (micro, piccole, medie e grandi), consorzi e organismi di ricerca che ha lo scopo di promuovere la competitività industriale attraverso l’innovazione competitiva. Il Polo, tramite un processo sistematico di dialogo tra domanda e offerta di innovazione, crea valore aggiunto per le imprese.

Vai al sito web

NAVALTEX

Il progetto è stato lanciato nel giugno 2008 grazie alla collaborazione tra l’Unione Industriale Biellese e il gruppo Rina, che insieme hanno dato vita a una proficua collaborazione tra il settore navale e quello tessile. Confindustria considera Navaltex una vera e propria best practice nazionale, un esempio concreto di “rete d’impresa” perché propone un metodo molto efficace di confronto diretto tra utilizzatore e fornitore, che apre alle aziende prospettive concrete di sviluppo e che può essere replicato, favorendo il rilancio delle filiere produttive non solo biellesi.

Vai al sito web

 

AREE CON MAGGIORI AGEVOLAZIONI

L’intensità degli incentivi e delle agevolazioni è variabile in base alla localizzazione geografica: alcuni Comuni del Biellese rientrano in aree privilegiate dall’Unione Europea legate all’articolo 107.3.C. del Trattato di Lisbona e godono di ulteriori benefici in ottica di investimento.

25 comuni della provincia Biellese sono stati inseriti tra le aree ad aiuto di stato, offrendo un ulteriore incentivo per l’insediamento.

Guarda la mappa del territorio con maggiori agevolazioni